Opera di Ristrutturazione Balcone di pregio nel quartiere Coppedè

CANTIERE: Risanamento balcone Via Brenta, 2A Roma

TIPO INTERVENTO: Ristrutturazione balcone di pregio artistico

Presentiamo la descrizione sintetica di un intervento di ristrutturazione di un balcone di uno stabile di particolare pregio artistico nel quartiere Coppedè di Roma.

Il nostro intervento sullo stabile ha riguardato anche altre opere di cui vi racconteremo più avanti perché per ora vogliamo concentrarci sulla descrizione delle varie fasi che ci hanno permesso di riportare alla stato originario i pilastrini e le ringhiere d’epoca del balcone dell’ultimo piano dell’edificio.

La prima fase dell’attività ha riguardato la messa in sicurezza dell’intero stabile con l’aiuto di una piattaforma aerea. Sono stati rimossi gli intonaci, le parti fatiscenti e quelle pericolanti.
E’ seguita la mappatura delle zone da cui sono stati rimossi i fregi di particolare importanza artistica, con conseguente catalogazione e conservazione per la futura rimessa in pristino.

Mostriamo alcune immagini dello stato ante operam del balcone con particolari delle ringhiere e dei pilastrini vecchi un secolo.

Il secondo intervento ha riguardato la ristrutturazione dell’unico pilastrino che ancora si teneva in piedi ma che presentava la finitura esterna mal ridotta sebbene mantenesse ancora la struttura originaria. La ristrutturazione superficiale del pilastrino si è resa necessaria allo scopo di utilizzarlo per la successiva creazione del calco. Successivamente anche questo pilastrino sarà demolito poiché presentava armature in ferro corrose dalla ruggine ed irrecuperabili.

In seguito abbiamo applicato il disarmante sul pilastrino ristrutturato, operazione necessaria per semplificare il successivo disarmo del calco.

La realizzazione del calco provvisorio è stata eseguita con silicone spalmabile. Questo calco è stato necessario per poter utilizzarne alcune parti stampate nei lati buoni del pilastrino e successivamente anche per ricostruire le parti di pilastrini in cui non esisteva più lo strato superficiale originale poiché totalmente eroso.

Utilizzando parte del primo calco provvisorio e con specifiche malte abbiamo ricreato le parti ormai inesistenti del pilastrino, successivamente abbiamo applicato tali parti nelle zone mancanti del piastrino originale prima di procedere al calco definitivo.

Completata la ristrutturazione superficiale del pilastrino originale, riusciamo a procedere con la realizzazione del calco definitivo utilizzando del silicone colabile. Questa  lavorazione prevede la creazione di un cassero con del compensato da 30 mm. ben fissato, staffato e controventato perfettamente verticale ed a squadro. Lo spazio che si forma tra il vecchio pilastrino originale e l’interno del cassero si riempie con silicone colabile.

Dopo 48h dalla colata si procede al disarmo dello stampo definitivo, operazione che ha richiesto molta attenzione e molta energia. Al cassero definitivo verrà applicato al suo interno del disarmante per facilitare il distacco dal calcestruzzo che successivamente gli sarà colato all’interno.

La colata del calcestruzzo armato con rete elettrosaldata è stata preceduta dalla scelta dei giusti inerti per la realizzazione dell’impasto. Per ricreare al meglio la struttura originaria dei pilastrini abbiamo optato deciso di utilizzare due parti di cemento bianco, una parte di polvere di marmo, una parte di ghiaietto di marmo frantumato da 3-5 mm e due parti di ghiaietto di marmo frantumato da 8-10 mm.

Nel frattempo ci siamo occupati anche della ringhiera originaria dell’epoca della costruzione dello stabile. Una volta smontata, è stata portata in officina, completamente sabbiata fino a riportare il ferro al bianco. Ci preme sottolineare che non esiste tecnologia migliore per far meglio tale operazione. Poi si è proceduto alla verniciatura a spruzzo applicando uno strato di convertitore di ruggine, uno di antiruggine e tre strati di vernice oleosintetica.

Il lavoro si è concluso con il ripristino dei nuovi dei pilastrini finiti e con il rimontaggio delle ringhiere.

 

 

Pin It on Pinterest

Share This